innovazione & technologia

SuperSkin

LA PELLE CHE PUO’ SALVARE LA TUA !

 

 

LA PIÙ GRANDE INNOVAZIONE NEL CAMPO DELLA SICUREZZA DOPO L’INVENZIONE DEL CASCO INTEGRALE.

Con il SuperSkin®, la società belga Lazer porta ai motociclisti una conquista decisiva nel campo della protezione della testa, tenuto conto che nel 66% degli incidenti e nell’80% degli incidenti mortali si riportano lesioni  alla testa.

 

La soluzione del SuperSkin® è semplice, quasi ovvia, nel senso che si ispira direttamente dalla natura. Infatti, il nostro cranio, la scatola meglio concepita per ospitare il nostro cervello, è naturalmente protetto dal cuoio capelluto.

 

Il SuperSkin® è uno strato che ricopre la parte esterna del casco e esercita esattamente la stessa funzione del cuoio capelluto che avvolge la testa. Scivolando sulla calotta ne limita la rotazione.

 

La rotazione della testa causa lesioni gravi e incurabili al cervello nei primi millisecondi che seguono un impatto, il cuoio capelluto attenua l’effetto dello stesso, scivolando sul cranio. Ed è precisamente durante quest’ infinitesimale lasso di tempo di 15 millisecondi che si svolge tutto, quando succede quello che gli scienziati chiamano l’impatto rotazionale, il nemico più letale. Ed è per contrastarlo nel modo più efficace che il principio del casco Lazer SuperSkin® è stato concepito e sviluppato dal Dott. Ken Phillips della Philips Helmets Ltd.

 

 

LA TESTA E’ NATURALMENTE PROTETTA DALLA CUTE

Lazer ha sviluppato una membrane antirotazione e un lubrificante che emula il movimento natural della cute sul cranio.

L’impatto rotazionale IL NEMICO ASSOLUTO

Bisogna sapere che durante un incidente stradale che coinvolge un motociclista, in 8 casi su 10, si riportano lesioni alla testa.

Secondo gli studi europei COST 327 relativi alla sicurezza dei motociclisti, l’impatto rotazionale è la causa maggiore di lesioni gravi al cervello. Per capire facilmente come si verifica questo fenomeno, va detto che il cervello non è fissato nè alla scatola cranica nè alle meningi, ma è immerso nel liquido cefalo-rachidiano e galleggia nel cranio.

 

 

All’atto pratico, il cranio e il cervello possono essere paragonati ad un globo concavo che racchiude al suo interno una sfera gelatinosa, la materia grigia, che galleggia all’interno della parete ossea. Un impatto provoca in misura maggiore o minore la rotazione istantanea della testa. Ovviamente, la massa cerebrale segue il movimento rotazionale, ma con un lieve ritardo. Sottoposto all’energia cinetica, il cervello subisce un movimento rotatorio all’interno del cranio. E questo succede, come visto sopra, nei primi 15 millisecondi che seguono l’impatto. Si capisce facilmente che la violenza di questo movimento rotatorio all’interno del cranio possa provocare subito la rottura dei vasi sanguigni e delle fibre nervose del cervello.

 

Tale fenomeno, definito dai medici « lacerazione intracerebrale » è la causa di gravi traumi inoperabili che causano disabilità gravi (coma, paralisi, disturbi vari, …) e troppo spesso, anche la morte.

 

Ecco perché, associandosi ai lavori condotti dal Dott. Ken Philips della Phillips Helmets Limited su questo argomento, LAZER ha deciso di impegnarsi e di investire nello sviluppo di una nuova tecnologia (PHPS™ : Phillips Head Protection System) che consente di ridurre notevolmente le conseguenze fisiologiche e neurologiche al cervello che ha subito un impatto rotazionale. Fedele a una lunga tradizione che risale alla sua fondazione nel 1919, Lazer partecipa attivamente per migliorare la sicurezza dei suoi clienti. Infatti, come vedremo in seguito, un casco munito di membrana SuperSkin® riduce del 67,5% i rischi di danni cerebrali, diminuendo di più del 50% gli effetti meccanici dello shock rotazionale. Questi risultati eccezionali sono stati ottenuti grazie a lunghe ricerche, sviluppi e meticolose progettazioni.

 

 

 

 

CONFRONTO FRA CASCO CONVENZIONALE E CASCO SUPERSKIN® – PROVE SCIENTIFICHE

 

Casco convenzionale. Lacerazione intracerebrale, 17 millisecondi dopo l’impatto (criterio di Von Mises).

 

 

Casco SuperSkin®. Lacerazione intracerebrale, 17 millisecondi dopo l’impatto (criterio di Von Mises).

 

La soluzione portata dai caschi SuperSkin® è completamente in linea con i requisiti richiesti da queste osservazioni scientifiche rigorose. Riducendo lo shock rotazionale del 50%, si riducono pertanto del 67,5% le forze che causano lesioni cerebrali. Il Lazer SuperSkin® è oggi il vero precursore di una nuova generazione di caschi più « intelligenti ».

 

Propagazione dell’onda di compressione in seguito ad uno shock rotazionale

 

Casco convenzionale 

Casco SuperSkin®
 

 

 

Il Dott. Ken Philips

INTUITO E PERSEVERANZA

 

 

 

 

Il Dott. Ken Phillips è un medico inglese che in seguito a una discussione con il figlio giornalista della stampa specializzata nel motociclismo, ha lavorato per anni sul miglioramento della sicurezza dei caschi. Considerando a giusto titolo, che il miglior casco lo aveva già inventato la Natura, ha evidenziato il fatto che la cute del cranio svolgeva un ruolo determinante in caso di impatto. In tutto, il Dott. Phillips, un vero e proprio pioniere, ha dedicato 15 anni della sua vita per salvare la nostra. Durante questi anni, ha sviluppato il suo concetto di protezione della testa denominato PHPS™ (Phillips Head Protection System). I responsabili della Lazer, associandosi a questo progetto, hanno subito capito l’incredibile vantaggio che la soluzione SuperSkin® poteva portare in termini di sicurezza ai suoi clienti.
Tuttora, la Lazer ha l’esclusiva di questo concetto adattato ai caschi per motocicli. Da parte sua, il Dott. Phillips intende applicare la sua scoperta ai caschi per biciclette, caschi da equitazione, ecc.

 

 

E IL LOOK DI QUESTO CASCO?

IL LOOK DI QUESTO CASCO NON CAMBIA, IL COSTO COMPORTA UN SOVRAPPREZZO MINIMO E LA SICUREZZA E’ MASSIMA

 

Dall’esterno, è impossibile fare una differenza tra un casco Lazer convenzionale e la versione SuperSkin®. Il principio è quello di rivestire i caschi della gamma LAZER (Integrali e Urban Jet) con una membrana sintetica e del lubrificante che possono essere colorati senza che si perdano le qualità intrinseche. Quindi, anche dal punto di vista dell’estetica, il casco SuperSkin® è un vero e proprio casco Lazer : gode di un design notevole che contribuisce al successo del marchio. Se a occhio nudo non si percepisce nessuna differenza, la differenza la si sente al tatto. Quando si strofina la superficie del casco, la membrana si allunga leggermente a prova dell’elasticità di questo rivestimento innovativo e che ci salva la vita.

 

Forse la sicurezza non ha prezzo, ma ha ovviamente un certo costo. La Lazer ha voluto che questo passo avanti tecnologico fosse accessibile al più grande numero possibile di persone. A tal proposito, il sovrapprezzo per la versione SuperSkin® non supererà i 150€. Nella cultura aziendale della Lazer, la sicurezza non deve essere un lusso, ma un servizio.

 

 

 

Miglior Innovazione Brevettata

Lazer con il casco SuperSkin, ha vinto il Premio di Miglior Innovazione Brevettata dell’Anno!

 

 

Il 14 maggio 2009, il nostro amministratore delegato, Alexander de Vos van Steenwijk, ha ricevuto a Bruxelles il premio durante una cerimonia in cui erano presenti 400 ospiti. La Lazer ha ricevuto i complimenti per la ricerca continua in ambito innovativo e il suo contributo a favore della protezione degli utenti nel settore motociclistico.

 

 

 

 

DOMANDE FREQUENTI

 

Questa tecnologia può essere applicata ai caschi in circolazione oppure si può solo applicare durante il processo di produzione del casco?

Il Lazer SuperSkin è disponibile solo sui caschi da moto prodotti da Lazer.

 

In che cosa consiste il processo di produzione e como viene applicata la membrana?

Il Lazer SuperSkin è stato sviluppato per 15 anni nei laboratori di ricerca della Philips Helmets Ltd, e per 2 anni in quelli della Lazer. L’applicazione è altamente specializzata poichè si utilizza un processo di termoformatura della membrana sul lubrificante applicato sulla calotta.

 

Quale aumento di peso comporta l’applicazione della membrane lubrificata?

Il peso del SuperSkin è inferiore a 100 grammi.

 

Quale aumento di peso comporta l’applicazione della membrane lubrificita?

Stando agli standard europei, i caschi vanno testati a 40°. Il Lazer SuperSkin è stato testato a 60° per un equivalente di 5 anni del ciclo di vita del prodotto. Non sono stati riscontrati danni, tuttavia riteniamo che non esistano materiali per caschi che possano resistere a temperature estreme per periodi di tempo molto lunghi.

 

La membrana è in grado di reggere l’impatto di detriti scagliati a forte velocità in autostrada, come ad esempio dei sassolini? La membrana SuperSkin potrebbe essere tagliata?

La membrana SuperSkin è resistente e programmata per fornire un’elasticità pari all’800% della forma iniziale quando viene allungata. E’ stata testata in un laboratorio indipendente e nessun danno è stato riscontrato dopo un urto normale ma abbastanza violento. Non è nè fragile nè friabile ed è come una pelle dura. Inoltre, il lubrificante sottostante fornisce una maggiore elasticità e attutisce gli impatti minori. Tuttavia, al pari della nostra pelle, può essere tagliata da oggetti affilati.

 

E’ possibile sostituire la membrana quando è rotta ?

No, perché il processo di applicazione è troppo complesso per poter sostituirla. Se la membrana è rotta, non cercate di sostituirla. Se volete avere le stesse proprietà anti-rotazionali, dovreste cambiare il casco. Ma anche senza la membrana, il vostro casco conserva tutte le sue altre caratteristiche di protezione.

 

In caso di incidente stradale, sarà danneggiata la membrana? Devo sostituire il casco?

In caso di incidente, ogni casco dovrebbe essere sostituito. Le capacità di assorbimento degli urti della calotta interna sono molto ridotte dopo un urto violento, con o senza la membrana SuperSkin.

 

Come posso pulire il mio casco SuperSkin ?

La manutenzione di un casco SuperSkin è identica a quella degli altri caschi. Usate solo acqua fredda e un tessuto morbibo per pulire la superficie del casco.

 

Quali sono i vantaggi di un casco SuperSkin ?

La testa subisce una rotazione quando urta il suolo. Lo shock rotazionale provoca la rottura dei vasi sanguigni e delle cellule nervose nel cervello, il che può essere molto pericoloso, e addirittura letale. Il Lazer SuperSkin riduce lo shock rotazionale e quindi il rischio di emorragia interna del 67,5%.

 

Tutti i caschi scivolano in caso di caduta; perché il SuperSkin è migliore?

Nel caso di una caduta, i primi 15 millisecondi sono i più importanti. Durante questa frazione di secondo, la superficie della strada “si blocca” nella calotta dei caschi convenzionali e provoca la rotazione della testa. Invece, il SuperSkin scivola sul lubrificante. Guardate il video sul nostro sito Internet che illustra l’enorme differenza di rotazione fra un casco convenzionale e un casco SuperSkin.

 

La membrana può avere un’influenza sull’aerodinamica?

No. La membrana è abbastanza sottile e tesa sul casco per fare in modo che non modifichi affatto l’aerodinamica del casco. E’ stata testata nella galleria del vento a 160 km orari presso l’Università di Southampton.

 

La tecnologia SuperSkin è disponibile su ogni tipo di casco Lazer?

Sì, tre modelli di caschi Lazer sono ormai prodotti con la membrana SuperSkin, offrendo quindi una gamma completa: il Rider, il Solano e l’SMX.

 

Qual’è il costo del SuperSkin?

Rispetto allo stesso modello di casco convenzionale, il casco SuperSkin ha un costo supplementare compreso fra i €100 e i €150.